Riflessioni e idee per un nuovo centrosinistra

Lo scorso 4 dicembre il Paese ha lanciato un netto segnale che deve essere interpretato e raccolto. Milioni di cittadini italiani non hanno soltanto bocciato il tentativo di distorcere l’assetto istituzionale del Paese. Non si sono limitati a esprimere un duro giudizio sulla classe dirigente che per quel progetto di riforma si è spesa in ogni dove. In tutta evidenza hanno allo stesso tempo, più o meno consapevolmente, radicalmente contestato il modello di sviluppo e di civiltà verso cui sono scivolate le democrazie occidentali. Si tratta di un modello frutto del divorzio non consensuale tra capitalismo e democrazia, che si è retto e si regge sulla crescita esponenziale della forbice delle diseguaglianze. Non a caso, è nelle diseguaglianze che va individuata la genesi della crisi che attraversiamo, non affrontata adeguatamente, quando non addirittura aggravata, dall’azione dei governi.

I processi di drastico impoverimento ed emarginazione del ceto medio danno i loro frutti su ambedue le sponde dell’Atlantico, dove crescono le destre e i populismi, aumenta la disaffezione e il distacco di ampie fasce popolari dalla vita pubblica. Sono tendenze che affondano le loro radici negli esiti della logica stessa del capitalismo finanziario. Su questi temi riflette il documento elaborato e illustrato da Tommaso Sasso all’assemblea nazionale del 28 gennaio.

Un ritorno alla politica fatta di idee, di approfondimento, di tensione morale. Potete scaricare il documento cliccando qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...